Cittadini reagisce a Veltroni

velPrimo appuntamento con “Cittadini reagisce“. Ascolto in TV, e reagisco qui. Stavo per chiamarlo “Cittadini risponde”, ma ammettiamolo, nessuno mi ha domandato nulla.

Oggi reagisco alle parole di Veltroni che martedì 15 novembre scorso, ospite da Lilli Gruber ha dichiarato di votare principalmente per tre motivi (nel video da 1:10 a 3:07):

  1. crede ci sia bisogno di una innovazione della nostra Costituzione e “i costituenti non per caso avevano previsto che trascorso un lasso di tempo si dovesse mettere mano”
  2. è angosciato dalla crisi della democrazia, in particolare la crisi della capacità di decisione e la reazione di voler tenere tutto com’è è la reazione più sbagliata
  3. teme l’instabilità che si potrebbe aprire se vincesse il No

Mi piacerebbe conoscere le sue riflessioni che avvalorano queste idee a sostegno del Sì.

Per arrivare alla stessa conclusione, la sola riflessione che mi verrebbe da fare è:

  1. bisogna far vedere che siamo dinamici e riformatori, e visto che da tempo tutti chiedono di riformare (in meglio!) la Costituzione, prendiamo sta schifezza che comunque fa figura
  2. c’è grossa crisi della nostra classe politica, se domani a decidere fossero altri, rischieremmo di sparire; con la nostra “bellissima” Costituzione così com’è sarà possibile, quindi bisogna blindare la casta
  3. cosa posso dire di verosimile e spaventoso per convincere gli italiani a votare Sì?

Invece, dal mio punto di vista la realtà è che::

  1. sono decenni che usiamo l’art.138 voluto dai costituenti per migliorare (non sempre, leggi Pareggio di Bilancio) la nostra Costituzione; se ho contato bene, la Costituzione è stata modificata 16 volte (senza contare leggi costituzionali che non modificano gli articoli della Carta)
    1-bis. I costituenti hanno intelligentemente introdotto l’art.138 che ci ha permesso, per esempio, nel 2007 di eliminare totalmente la pena di morte (nella Costituzione del ’48 poteva essere prevista nelle leggi militari di guerra), ma non mi risulta che abbiano mai messo un timer da rispettare
  2. è sentimento comune che la crisi della capacità di decisione sia dovuta alla classe politica che non rappresenta più il suo popolo, e non certo per la Costituzione che ha funzionato per decenni; si dovrebbe tornare a rappresentare i bisogni degli Italiani per avere l’autorevolezza di decidere, e non modificare la Costituzione cambiando il concetto per cui il popolo è sovrano
  3. l’instabilità potrebbe esserci e potrebbe anche essere doloroso; più doloroso sarebbe, alle porte del secolo dalla nascita delle dittature europee di inizio ‘900, in un momento storico dove la crisi inasprisce i risentimenti verso lo straniero e aumenta la volontà di isolamento nazionale, ricadere nella possibilità di accentrare i poteri su una persona, con le conseguenze che la Storia ci ha già insegnato

E quindi #IODICONO, per me e per i miei conCittadini.

Precedente Approvate voi il testo della legge costituzionale concernente Successivo Cittadini reagisce a Renzi
  • Fiorella Giordano

    io ho votato No!