La nostra campagna

europeeM5SLe europee si avvicinano, i partiti sono in piena campagna elettorale, le televisioni ci propongono, o meglio ci propinano, parole e promesse, slogan triti e ritriti, e soprattutto copiati. La nostra campagna è diventata la campagna di tutti. Come se tutti fossero uguali, come se tutti facessero quello che dicono.

Ieri sera mi sono ritrovato a guardare Telecamere, programma notturno della domenica di Rai Tre. Primo ospite, il ministro della salute Beatrice Lorenzin. Lasciamo stare la magnifica arrampicata sugli specchi nello spiegare del perché è candidata alle Europee pur essendo ministro e non avendo alcuna intenzione di trasferirsi a Strasburgo. Quello che più mi ha colpito è stata la frase del debutto, quando ha affermato che il suo partito, il NCD, chiede il voto perché vuole lavorare affinché l’Europa ridiventi una Europa dei popoli che sappia recuperare le sue origini. Ma dove l’ho già sentita questa?

Dopo un servizio su Fratelli d’Italia, è stato il turno del nostro portavoce al senato Morra, che personalmente ho trovato competente, pronto nelle risposte, capace di spiegare e trasmettere il punto di vista del MoVimento 5 Stelle, senza usare frasi fatte, ma parlando alla giornalista e alla decina di giovani in studio in modo chiaro e diretto, senza giri di parole. Non ne avevo alcun dubbio, ho avuto modo di conoscerlo personalmente e la mia prima impressione era quella giusta. Anche la giornalista De Rosa ha ammesso più volte la preparazione del nostro portavoce e la condivisione dei concetti esposti.

Dopo il nostro portavoce è il turno di un servizio su l’Altra Europa per Tsipras. Secondo la giornalista sul campo questo partito vuole ricominciare dai cittadini, dai movimenti della società civile. Mai sentito, e soprattutto mai fatto da nessuno, vero? Ascolto Barbara Spinelli che parla di un’Europa solidale, e Moni Ovadia che elenca i temi che, parole sue “sono i nostri”: i beni comuni, la salute del pianeta, le energie rinnovabili, investimenti sulla cultura. Il finale è splendido, parole di Ovadia: “oggi noi siamo le persone del buonsenso”. Anche questa mi ricorda qualcosa.

Destra e sinistra oramai si riempiono delle parole che ci hanno portato fin qui. Solo che fino ad adesso ho visto solo una forza politica capace di portare avanti con convinzione, partecipazione e risultati questi temi. Questa forza non è né a destra né a sinistra, è nata oltre e oltre sta andando.

ConCittadini non dimenticate, il 25 maggio decidiamo anche per il nostro futuro. #VinciamoNoi

Precedente Verso l'Europa Successivo Riforme costituzionali: non è questo il punto